Regolazione idraulica della profondità di lavoro per coltivatore SYNKRO 1030

Regolazione idraulica della profondità di lavoro per coltivatore SYNKRO 1030

Questa nuova caratteristica incrementa ulteriormente il comfort

I modelli SYNKRO 1030 (fissi e semiportati) a 3 barre sono dotati sin d'ora di una regolazione idraulica della profondità di lavoro, che consente una reazione continua alle differenti condizioni di terreno.

La regolazione idraulica della profondità di lavoro durante la marcia è regolabile continuamente dalla cabina di guida mediante un distributore idraulico a doppio effetto. Così durante l'abbattimento delle stoppie è possibile lavorare più in profondità punti più compatti del terreno, dissodando le compattazioni. Un ulteriore comfort è garantito dalla regolazione automatica dei dischi concavi. Nonostante la variazione della profondità di lavoro non è necessaria alcuna ulteriore regolazione della barra di compattazione. Un grande vantaggio. Una scala graduata, ben visibile dal posto di guida, indica la profondità di lavoro impostata.
Nelle macchine semiportate le ruote tastatrici ora vengono regolate automaticamente. Grazie al rullo di trascinamento ed alle ruote tastatrici è possibile garantire una stabile guida in profondità.
Inoltre la macchina è sganciabile più facilmente, poichè è possibile abbassare idraulicamente il rullo di trascinamento, sgravando così il 3° punto.

 

Possibile anche una lavorazione molto superficiale

Gli attrezzi dei modelli SYNKRO sono regolabili molto semplicemente per una lavorazione molto superficiale, ma totale del terreno: ideale per la lavorazione dei prati in primavera. L'asta è regolabile in 3 posizioni. La posizione delle alette può essere scelta in modo da provocare uno sprofondamento molto ridotto (1 cm), creando così un orizzonte di lavoro molto piano ed uniformemente profondo. 

 

Lavoro convincente comprovato scientificamente

Studi scientifici effettuati scannerizzando il terreno hanno confermato l'efficacia della lavorazione del coltivatore SYNKRO. In collaborazione con l'Istituto didattico e di ricerca Francisco Josephinum di Wieselburg (AT) sono stati creati dei profili del suolo ed i risultati di lavoro sono stati esaminati attentamente.